di Andrea Bucra.


 

Ogni gara ha le sue emozioni e comprende le proprie sfide personali ma questa, ho scoperto, ha anche il suo immenso fascino che ti riporta bambino.
Il viaggio inizia il 21 del mese quando arrivo al parco e corro immediatamente a ritirare il pettorale.
Non trovo il classico stand ma una vera e propria sezione dedicata allo sport del podismo dove ci si sarebbe anche potuti perdere se non fosse stato per la splendida organizzazione.
Il weekend è occupato da una 5km per il venerdì, 10km per il sabato e la mezza per la domenica.
Io corro la mezza e i giorni precedenti mi dedico alla famiglia a visitare il parco.
Giorni che non sono stati propizi alla preparazione della gara ma tra giostre e abbuffate ma lo rifarei volentieri. 
Arriva la domenica, partenza alle ore 7.00 quindi alzataccia alle 4.30 dovuta all’agitazione e all’ansia da prestazione.
Circa 9000 partecipanti, non c’era spazio neanche per fare riscaldamento percui si parte diretti dopo quasi 1 ora in griglia.
Ora passata velocemente grazie al DJ che già alle 6 del mattino sparava musica tecno a tutto volume dal palco, presentatori che enunciavano la splendida edizione dell’anno prima e incitavano i corridori in ogni modo e maniera. Io parto con la 4° ondata ma ad ogni partenza c’è il countdown con fuochi d’artificio e via si parte.
Si corre praticamente quasi l’intera mezza all’interno dei 2 parchi Disney tra i vari ambient dove vieni assorbito dalle giostre accese per l’occasione e illuminate a festa. I personaggi Disney, da Topolino a Minnie Paperino, Tigro tutti i classici ma anche quelli delle nuove generazioni che lungo il percorso ti incitano. Magari non li ho capiti troppo poiché incitavano in francese ma l’efficacia era la stessa. Non c’era parte del tragitto dove non si sentisse musica, che fosse delle giostre o delle bande sparse lungo il percorso, o musica breakdance con tanto di ballerini ai bordi della strada e le ragazze majorette che ballavano e incitavano. Musica Afro con tamburi che davano la spinta giusta e i punti ristoro numerosi e ben forniti.
21km160m di emozione corsi avvolti da un’atmosfera che solo questo evento penso possa offrire.
Che si punti a fare un buon tempo o che si voglia percorrerla con tranquillità anche solo per ammirare la bellezza dei parchi notturna fino al sorgere dell’alba è una corsa che ogni podista meriterebbe di fare.

 

1 comment

  • Antonio Favaro '

    è lo spirito giusto. Forza

    Rispondi

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.