Amatrice_Configno_2016_Pettorale

Amatrice_Configno_2016_2

Come promesso ecco qui con la prima corsa dopo il Ferragosto per collaudare le gambe dopo tutti gli allenamenti di potenziamento.

Per la A.S.D. Villa Ada Virtus è un appuntamento fisso tutti gli anni, giunta alla 39° edizione l’Amatrice – Configno ha avuto la presenza di ben 5 atleti ed 1 intruso – amico: Livio, Fabio che si sono sfidati a colpi di minuti, Max il presidente che non ci abbandona mai, Marco in trasferta da Milano, il grande rientro di Massimo detto Crazy Horse, fanalino di coda Silvia B, ed il nostro amico Luca Vecchia.

Dopo due ore di macchina in cui non ci siamo risparmiati neanche un argomento: dalle Olimpiadi a Roma, gli allenamenti, la preparazione al trail, le “punizioni” degli allenatori nelle squadre di adolescenti poveri lasciati in autostrada, il tutto allietato dalla musica del dj Fabio.

Arrivati in loco classico ritiro pacco con una fantastica maglia fucsia per le donne e giallo canarino per gli uomini.

Amatrice_Configno_2016_fumetto1Nella “vestizione” pantaloncini e canotta della società inizia la sfida dei tempi e soprattutto migliorare quelli dell’anno precedente, il clou arriva con Crazy Horse, senza bandana irriconoscibile, “a regà a 60 è tutto in discesa il tracollo ve vojo vedè quando ci arrivate”.

 

Amatrice_Configno_2016_fumetto2

 

 

 

 

 

 

In tutto ciò la mia ansia da prestazione era alle stelle l’importante arrivare alla fine, perché 8,5 km di salite sotto il sole delle 16.00 non sono pochi.

I veri Virtus partono nelle primi file, non siamo tanti sui 300 iscritti, personalmente parto in sordina tra gli ultimi per vincere l’input iniziale della velocità rischiare di non finirla, di personaggi ne vedo un centurione, una signora con una cresta gialla…..

Si parte abbastanza puntuali alle 16.00 si inizia con una discesa primo 1km dentro Amatrice e poi inizia la vera gara sulle colline, tratti in ombra ma molti sotto il sole, al 3°km il gruppo si sfalda ancora di più, personalmente ho iniziato a sentire la vera fatica. Il bello e la sorpresa è stato vedere che in ogni curva del percorso c’era qualcuno che ti incita ad arrivare alla fine. Il panorama è stupendo tra le verdi colline del parco di Amatrice al 7 km si inizia a sentire la voce dello speaker i primi sono arrivati da un po’…. ed iniziano già a scendere strada facendo incontro il Presidente in prima fila e poi Luca, Livio e Fabio che mi incitano nello sprint finale dei 700 mt, e li inizio ad aumentare il passo non per il tempo ma per la paura di essere lasciata a piedi, era una delle punizioni degli allenatori che facendo pessimi tempi di cui abbiamo parlato in macchina.

A parte gli scherzi quasi tutti soddisfatti dei tempi, il Presidente Max, ci ha accolto tutti “potevate fare di meglio”, la classifica interna alla VVA è:

Montesarchio Livio 55 assoluto con 0:32:59

Masotta Fabio 72 assoluto con 0:34:27

Clemente Marco 100 assoluto con 0:37:08

Carpentieri Massimo 118 assoluto con 0:38:11

Vecchia Luca 122 assoluti con 0:38:24

Abbaci Massimo 265 assoluto con 0:49:10

Bartocci Silvia 279 assoluto con 0:51:49.

Personalmente sono soddisfatta perché ho terminato, ma aveva ragione Max potevo fare di più, sarà per la prossima.

Il bello di essere una squadra di uomini forti è che c’è sempre un buon motivo per fare di fare di meglio e per farsi due risate.

Amatrice_Configno_2016_1

Leave a comment

*