Dal nostro amico e futuro Virtuoso Maurizio Dell’Anno

Come iniziare il mio primo articolo che riguarda la manifestazione della mezza maratona del lago di Vico? Intanto con un caloroso abbraccio a voi tutti che mi avete accolto subito con simpatia e semplicità che a mio avviso sono alcune delle tante caratteristiche che caratterizzano questo sport e coloro che vi partecipano.
Non conosco ancora bene tutti i vostri nomi e non voglio fare saluti personali, ma voglio trasmettere semplicemente, l’inizio che è stato non ieri, ma una settimana fa alle ore 6,45, orario che voi tutti conoscete meglio di me a Villa Ada. Da lì ho capito nelle prime strette di mano e nei primi sguardi che avrei trovato un’ambiente giusto, e adatto…e anche informale.
Tornando alla gara di domenica mi sono subito sentito parte della vostra squadra e spero a beve anche della mia, iniziando dal viaggio, alla colazione, all’arrivo in automobile e alla prima corsa di riscaldamento dove ognuno cercava un posto nei boschi per ………….., alla partenza molto rilassata e all’arrivo.
Cerco di descrivere il percorso, bello e suggestivo una gara che si è svolta tutta per i 21 km intorno al lago di Vico con tratti sia pianeggianti ma anche alcuni in leggera salita, ma la bellezza era che potevi apprezzare il lago e i boschi e la campagna che circondava noi corridori, piena di noccioleti. Siamo partiti che era molto umido e con un tempo incerto e nuvoloso, ma durante il percorso le condizioni meteorologiche sono cambiate con un sole mite e piacevole.
Arrivato stanco ma contento al traguardo, mi sono ricongiunto e congratulato con il Gruppo Virtus  e rimasto però meravigliato e favorevolmente stupito quando ad alcuni di voi è stato chiesto come era andata la corsa ed il tempo a fine gara, tutti avete risposto bene senza però dire il tempo realizzato ben al di sotto del mio e di chi ve lo ha chiesto da lì ho capito lo spirito dei componenti della Virtus Villa Ada.
 
Ciao a tutti amici e sempre forza Virtus Villa Ada.
 
Un abbraccio Maurizio
Un enorme benvenuto a Maurizio che non solo ha scelto il gruppo migliore che possa esserci a Roma ma si è anche “immolato” nell’impresa del suo primo articolo sul nostro piccolo blog!
Per dovere di cronaca dobbiamo anche ringraziare Maurizio per la splendida colazione a base di sfogliatelle calde  e crostate appena sfornate!
Continuando col resoconto di giornata dobbiamo registrare un eccellente Corona in formato “pasticcere” che ci ha deliziato a fine gara con una splendida quanto gustosa crostata di visciole!!!👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻
Lasciamo per ultimo la cosa meno importante. I tempi. Vorremmo non metterli ma sappiamo che il Pre ci tiene molto – qualche maligno asserisce che vuole saperli solo per il puro gusto di “cazziarci”, ma noi ovviamente non diamo seguito a queste voci- e allora eccolo accontentato:
1º virtuoso all’arrivo, ça va sans dire, il “pasticcere volante”, al secolo Alessandro Corona che chiude la gara con un ottimo 1.35.29.
Segue a ruota con poco più di un minuto di distacco da Ale, l’immenso Giuseppe “Duracell” Petrone che disintegra il tempo dello scorso anno di oltre 3′ e chiude la gara in 1.37.01 tallonato a ruota da il nostro “Virtuoso Virtuale” Luca Vecchia che chiude boccheggiante a 1″ dal mitico Peppe.
Subito dietro, in sequenza, arrivano altri due amici e  futuri virtuosi: il mitico “cinofilo tascabile” Federico “Tigna” Podrini che nonostante un infortunio muscolare al 12º km, riesce a chiudere la gara in 1.41.28, e il grande Maurizio “o’ direttore” Dell’Anno che finisce in 1.47.22.
A seguire una buona Silvia “Psycho(therapist) Bartocci “distratta” già dal 15º km dal pensiero della crostata di visciole del Crown.
Chiude la serie Luca Marcucci con il tempo di 2.34.07
Bravi tutti!
Forza Virtus villa Ada!!!!!

  • giuseppe maria

    Le emozioni che ti lasciano le gare sono tante, ma gareggiando con gli amici ti rimangono dentro per sempre. ieri correre insieme a Luca e Federico è stato bellissimo. E con Luca arrivare insieme al traguardo è stato emozionante come il traguardo che abbiamo passato insieme a Lucca nel 2014, a Rieti, a Pisa. Ti vengono fuori i ricordi, e le emozioni si fondono insieme e crescono. Che bello. Grazie.

    Rispondi

Leave a comment