Dalla nostra inviata Silvia Bartocci.

Pettorale 329

Metti una sera ad una festa di compleanno a metà Dicembre dove c’è un’alta percentuale di runners, quasi tutti, dal gruppetto si alza una voce…”tutti a Barcellona a Febbraio” in coro tutti “siiiii….vai con la trasferta”….

Trascorre una settimana ed io avevo completamente dimenticato il tutto….arriva il gruppo privato su whatup “Barcellona run” organizzato da Antonella che annuncia che ha preso i voli, il pettorale e l’appartamento si parte in 12. Oddio non era uno scherzo….

Si gareggia per Sport Senza Frontiere la Onlus per cui ogni tanto corro…ma i colori della Virtus Villa Ada ci sono sempre…

All’aereoporto scopro che in realtà partiamo solo in 6…

Al ritiro del pettorale vengo a conoscenza che abbiamo “barato” abbiamo dato tempi eccezionali…solo se la facessi in motorino potrei finirla in 1h20”…si parte dopo i top runner…che emozione

….il problema è che mi lascio tirare….mi sono allenata pochissimo talmente poco che non so neanche la finirò…

Le gambe vanno e le lascio andare…tanto è un lungo….l’importante è finirla…la città è molto molto carina, il tifo è super, le percussioni che ogni 3 km troviamo danno il ritmo e la voglia di continua e vedere come andrà a finire…

Al 15km non ne posso più…il mio compagno di chiacchere mi lascia ed io inizi a rallentare…sono partita troppo troppo forte il pensiero è “adesso chi lo dice a Max”….

La porto a termini in 2h08….sapevo che non ero allenata…..e stranamente il rimprovero di Max questa volta non c’è stato o sicuramente più blando…. “già è tanto che l’hai finita….sei passata dai bombardini in montagna all’antibiotico”…..stavolta l’ho scampata…..ma ora mi aspetta la Roma Ostia.

 

Per la cronaca i miei compagni di viaggio finiscono tutti molto soddisfatti: Massimo Balestra 1h41, Antonella Caruso 1h51, Mauro Negrini 1h52, Antonella Diamente 1H52, Marcello Carli 1h57.

E dopo ci siamo goduti la città ed il cibo….

Leave a comment

*