EMOZIONI
A mente fredda, mentre svuoto lo zaino gara e sistemo pettorale e medaglia nel solito archivio, ripenso a ieri. Non alla gara – quella per me, pacer per la quarta volta a Roma, è stata abbastanza facile – ma ai miei fantastici compagni di squadra che hanno vissuto, espresso, esternato delle emozioni che raramente ho scovato loro per una gara in questi anni. Sarà stato forse il numero di iscritti, la preparazione differente, le fantastiche prestazioni alla 3 Comuni e alla RomaOstia, il tempo (finalmente il sole!), o chissà cosa ma quest’anno l’aria che si respirava in Virtus era…come dire…frizzantina!
C’era un non so che di elettrico nell’aria che ha reso tutto più magico, più difficile e più bello.
Più emozionante.

DELUSIONI
Purtroppo, e a volte accade, il diavolo ci mette la coda.
Qualcuno si è dovuto fermare durante la preparazione.
Qualcuno si è dovuto fermare durante la gara
Qualcuno non è riuscito a “fare il tempo”
Qualcuno è uscito deluso
Qualcuno è amareggiato
Qualcuno è arrabbiato
Qualcuno vuole smettere con le maratone

A tutti dico: è una semplice gara! Ce ne saranno altre. Decine, centinaia. Ci saranno ancora giornate storte e delusioni. Ma chissenefrega! Stiamo insieme e ci divertiamo. Questo è quello che conta davvero! Di maratone ce ne sono a centinaia ogni anno. Se non è Roma oggi sarà Firenze o Lisbona o Venezia o New York domani. La bellezza di una maratona è il percorso che si fa tutti insieme per arrivare a correrla. Le ripetute del martedì, il potenziamento del mercoledì, il medio del venerdì e il lungo della domenica in giro per la città. Come dico sempre: la cosa più emozionante per Ulisse non è stato il ritorno a Itaca ma il viaggio fatto per arrivarci!

RECORD
Sicuramente per la Virtus Villa Ada questa è stata la maratona dei record!
27 arrivato al traguardo!!!!! Solo due anni fa era impensabile una cosa del genere!

Ovviamente i record sono fatti per essere battuti quindi…tutti alla MdR 2019!!! E l’anno prossimo saremo al traguardo almeno trentatrè perché ci saranno anche Andrea, Antonio, Francesco, Manuela, Roberta, Tullio…. A loro il più caloroso abbraccio e affettuoso pensiero.

SANTI (SUBITO!)
Ovviamente i Maritti!!!
Ormai non ci sono più frasi per descrivere la loro gentilezza e ospitalità. Il loro calore affettuoso mi lascia ogni volta senza parole come la vista mozzafiato che si gode dalla loro terrazza. Unici!

SALSICCE
Tantissime, buonissime, troppisime. Come tutto del resto. Il “terzo tempo” della VVA è come sempre una cosa pantagruelica. Merito di tutto questo come sempre va al nostro supermegapresidente Massimo “Max” Carpentieri e al suo fidato braccio destro (almeno in cucina) Mauro “MasterChef” Raponi! Un applauso a entrambi per l’organizzazione come sempre impeccabile!

APPLAUSI
Ultimi ringraziamenti doverosi:
A tutti i virtuosi non presenti che anche in lontananza hanno fatto il tifo per noi
Al dono dell’ubiquità di Max che riesce a stare in luoghi diversi nello stesso tempo riuscendo a fare il tifo a tutti, ma proprio tutti, i virtuosi in gara mentre nello stesso momento era impegnato nei preparativi in casa Maritti.
Ai “quasi coniugi” Masotta e a Robertina che, seppur non in gara, comunque sono arrivati alla fine senza fiato per il tifo fatto.
Alla nostra fotografa Martina, sempre presente e sempre sorridente. Una presenza discreta e rassicurante. Imprescindibile!
A Daniele che anche quest’anno ci ha distribuito l’acqua ma che si spera il prossimo anno si decida finalmente a correrla ‘sta benedetta maratona!
Al caciocavallo di Ivan
A chi si è immolato a cucinare le circa 300 salsicce al barbecue (la prossima volta però almeno 600 sennò Angelo “Seneca” Calavitta protesta)
Ultimo, ma non per importanza ma perché ormai è tradizione finire così, alla crostata e alle ciambellette fatte in casa quindi….UN APPLAUSO A BENEDETTA!!!!!

2 comments

  • Angelo

    Discorso veramente toccante tutti i punti vista ben evidenziati … specialmente il punto salsicce bravo Luca e al tutto il gruppo

    Rispondi
  • Benedetta

    Sei un grande Luca, orgogliosa di far parte di questa squadra, seppur non con la maglia, ma con il Cuore. Bravissimi tutti i Virtuosi e Virtuose che hanno gareggiato. E Grazie ancora coniugi Maritti.

    Rispondi

Leave a comment